DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 aprile 1957, n. 818

Norme di attuazione e di coordinamento della legge 4 aprile 1952, n. 218, sul riordinamento delle pensioni dell'assicurazione obbligatoria per l'invalidita', la vecchiaia e i superstiti.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 25/06/2008)
Testo in vigore dal: 1-7-1972
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                              Art. 37.

  I  periodi  riconosciuti  come periodi di contribuzione a norma dei
precedenti  articoli 10 e 12 sono esclusi dal computo del quinquennio
per  l'accertamento  dei requisiti contributivi stabiliti dall'art. 5
della legge 4 aprile 1952, n. 218, per l'ammissione al versamento dei
contributi volontario, successivamente, ai fini dell'applicazione dei
primi due comuni dell'art. 15 del presente decreto.
  Allo stesso modo vanno considerati;
    a)  i  periodi  di  assenza  facoltativa dal lavoro dopo il parto
previsti dal secondo comma dell'art. 6 della legge 26 agosto 1950, n.
860, nel testo modificato dalla legge 23 maggio 1951, n. 394;
    b)  i  periodi  di  lavoro  subordinato  all'estero che non siano
protetti  agli  effetti  delle  assicurazioni  interessato  in base a
convenzioni od accordi internazionali;
    c)   i   periodi   di  servizio  militare  eccedenti  il  periodo
corrispondente al servizio di leva;
    d)  i  periodi di malattia, comprovati con certificato rilasciato
da   un   Ente   previdenziale  o  da  una  pubblica  amministrazione
ospedaliera che eccedano i limiti stabiliti dall'art. 56, lettera a),
punto 2, del regio decreto-legge 4 ottobre 1935, n. 1827.
  I  periodi indicati nel comma precedente sono parimenti esclusi dal
computo  del  quinquennio previsto dall'art. 9, n. 2, lettera b), sub
art. 2, e dall'art. 13, sua art. 2 della legge 4 aprile 1952, n. 218,
per  il  diritto  alla pensione per invalidita' e per i superstiti, e
dall'art.  17  del regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636, per il
diritto  alle  prestazioni  antitubercolari,  nonche' dal computo del
biennio previsto dall'art. 19 dello stesso regio decreto-legge per il
diritto  alla  indennita'  di  disoccupazione,  fermo restando quanto
disposto  dall'art. 56, lettera c), del regio decreto-legge 4 ottobre
1935, n. 1827, per i periodi di servizio militare.
  I  periodi  d'iscrizione a forme di previdenza obbligatorie diverse
da   quelle  sostitutive  dell'assicurazione  per  l'invalidita',  la
vecchiaia  e  i  superstiti  o  i periodi di lavoro subordinato per i
quali  sia  stabilito  altro  trattamento obbligatorio di previdenza,
quando non diano luogo a corresponsione di pensione, sono esclusi dal
computo del quinquennio previsto ai fini dei requisiti per il diritto
alla  pensione  per invalidita' o per i superstiti e per l'ammissione
al   versamento   dei  contributi  volontari  nell'assicurazione  per
l'invalidita', la vecchiaia e i superstiti.((24))
-----------------
AGGIORNAMENTO (24)
  Il D.P.R. 31 dicembre 1971, n. 1432, ha disposto (con l'art.16) che
e'  abrogato  l'art.37  per  le  parti  concernenti  la  prosecuzione
volontaria.