DECRETO-LEGGE 31 maggio 2021, n. 77

Governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure. (21G00087)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 01/06/2021
L'atto e' integrato con le correzioni apportate dall'avviso di rettifica pubblicato in G.U. 01/06/2021, n. 130 durante il periodo di "vacatio legis". E' possibile visualizzare la versione originaria accedendo al pdf della relativa Gazzetta Ufficiale di pubblicazione.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 29 luglio 2021, n. 108 (in S.O. n. 26, relativo alla G.U. 30/07/2021, n. 181).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 16/11/2021)
vigente al 01/12/2021
  • Allegati
Testo in vigore dal: 31-7-2021
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
  VISTI gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione; 
  VISTO il regolamento (UE) 2021/241 del  Parlamento  europeo  e  del
Consiglio, del 12 febbraio 2021, che istituisce il dispositivo per la
ripresa e la resilienza; 
  VISTO il decreto-legge  6  maggio  2021,  n.  59,  recante  "Misure
urgenti relative al Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa
e resilienza e altre misure urgenti per gli investimenti"; 
  RITENUTA la straordinaria  necessita'  e  urgenza  di  definire  la
strategia e il sistema di governance nazionali per l'attuazione degli
interventi relativi al Piano nazionale di ripresa e resilienza  e  al
Piano nazionale per gli investimenti complementari; 
  CONSIDERATA la straordinaria necessita' e urgenza di  imprimere  un
impulso decisivo allo snellimento delle procedure  amministrative  in
tutti i settori incisi  dalle  previsioni  dei  predetti  Piani,  per
consentire un'efficace, tempestiva ed efficiente realizzazione  degli
interventi ad essi riferiti; 
  RITENUTA, in particolare, l'urgenza di introdurre  misure  relative
all'accelerazione  dei  procedimenti  relativi  agli  interventi   in
materia di transizione ecologica e digitale e di contratti pubblici; 
  VISTA la deliberazione del Consiglio dei ministri,  adottata  nella
riunione del 28 maggio 2021; 
  SULLA PROPOSTA del Presidente del  Consiglio  dei  ministri  e  dei
Ministri   dell'economia   e   delle   finanze,   per   la   pubblica
amministrazione,  per  l'innovazione  tecnologica  e  la  transizione
digitale,  della  transizione  ecologica,  della  cultura   e   delle
infrastrutture e della mobilita' sostenibili; 
 
                              E M A N A 
 
                     il seguente decreto-legge: 
 
                               ART. 1 
 
                 (Principi, finalita' e definizioni) 
 
  1. Il presente decreto  definisce  il  quadro  normativo  nazionale
finalizzato a semplificare e agevolare la realizzazione dei traguardi
e  degli  obiettivi  stabiliti  dal  Piano  Nazionale  di  Ripresa  e
Resilienza, di  cui  al  regolamento  (UE)  2021/241  del  Parlamento
europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021, dal Piano nazionale per
gli investimenti complementari di cui al decreto-legge 6 maggio 2021,
n. 59, nonche' dal Piano Nazionale Integrato per l'Energia e il Clima
2030 di cui al Regolamento (UE) 2018/1999 del  Parlamento  europeo  e
del Consiglio dell'11 dicembre 2018. 
  2. Ai fini del presente  decreto  e  della  sua  attuazione  assume
preminente valore l'interesse nazionale  alla  sollecita  e  puntuale
realizzazione degli interventi inclusi nei Piani indicati al comma 1,
nel pieno rispetto  degli  standard  e  delle  priorita'  dell'Unione
europea in materia di clima e di ambiente. 
  3. Le  disposizioni  contenute  nel  presente  decreto,  in  quanto
direttamente attuative  degli  obblighi  assunti  in  esecuzione  del
Regolamento  (UE)  2021/241,  sono  adottate   nell'esercizio   della
competenza legislativa esclusiva in materia di rapporti  dello  Stato
con l'Unione europea di cui all'articolo 117, secondo comma,  lettera
a), della Costituzione e definiscono, ai sensi dell'art. 117, secondo
comma,  lettera  m)  della  Costituzione,  livelli  essenziali  delle
prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono  essere
garantiti su tutto il territorio nazionale. 
  4. Ai fini del presente decreto si intende per: 
    a) «Cabina  di  regia»,  ((l'organo))  con  poteri  di  indirizzo
politico, impulso  e  coordinamento  generale  sull'attuazione  degli
interventi del PNRR; 
    b) «Fondo di Rotazione del Next Generation EU-Italia»,  il  fondo
di cui all'articolo 1, ((commi 1037  e  seguenti,))  della  legge  30
dicembre 2020, n. 178; 
    c)  «PNC»,  ((il   Piano))   nazionale   per   gli   investimenti
complementari al PNRR, di cui  all'articolo  1  del  decreto-legge  6
maggio 2021, n. 59, finalizzato ad integrare  con  risorse  nazionali
gli interventi del PNRR; 
    d) «PNRR», il Piano nazionale di ripresa e resilienza  presentato
alla Commissione europea ai sensi ((degli articoli))  18  e  seguenti
del Regolamento (UE) 2021/241; 
    e) «interventi del PNRR», gli investimenti e le riforme  previste
dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza; 
    f) «Regolamento (UE) 2021/241», ((il regolamento del)) Parlamento
europeo e del Consiglio  del  12  febbraio  2021  che  istituisce  il
dispositivo per la ripresa e la resilienza; 
    g) «Segreteria tecnica», ((la struttura))  costituita  presso  la
Presidenza del Consiglio dei ministri per il supporto alle  attivita'
della Cabina di regia e del Tavolo permanente; 
    h) «Semestre europeo», il processo definito  all'articolo  2  bis
del Regolamento (CE) n. 1466/97; 
    i) «Servizio centrale per il PNRR», ((la struttura)) dirigenziale
di livello generale istituita presso  il  Ministero  dell'Economia  e
delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato; 
    l) «amministrazioni centrali titolari di interventi previsti  nel
PNRR», ((i Ministeri e le strutture)) della Presidenza del  Consiglio
dei ministri  responsabili  dell'attuazione  delle  riforme  e  degli
investimenti previsti nel PNRR; 
    m) «Sistema  Nazionale  di  e-Procurement»,  il  sistema  di  cui
all'articolo 1, comma 1 del decreto  legge  6  luglio  2012,  n.  95,
convertito ((, con modificazioni,  dalla  legge  7  agosto  2012,  n.
135;)) 
    n) «Sogei S.p.A.», la Societa' Generale d'Informatica  S.p.A.  di
cui all' articolo 83, comma 15, del decreto-legge 25 giugno 2008,  n.
112, convertito, con modificazioni, dalla legge  6  agosto  2008,  n.
133, societa' in house del Ministero dell'Economia e delle Finanze; 
    o) «soggetti attuatori», ((i soggetti pubblici))  o  privati  che
provvedono alla realizzazione degli interventi previsti dal PNRR; 
    p) «Tavolo permanente» il Tavolo permanente per  il  partenariato
economico, sociale e territoriale,  organo  con  funzioni  consultive
nelle materie e per le questioni connesse all'attuazione del PNRR; 
    q) «Unita' di audit», ((la struttura)) che  svolge  attivita'  di
controllo sull'attuazione del PNRR  ai  sensi  del  Regolamento  (UE)
2021/241; 
    r) «Unita' di missione», l'Unita' di missione di cui all'articolo
1, comma 1050 della Legge 30 dicembre 2020,  n.  178,  struttura  che
svolge funzioni di valutazione e monitoraggio  degli  interventi  del
PNRR; 
    s) «PNIEC», ((il Piano nazionale integrato  per  l'energia  e  il
clima)), predisposto in attuazione del Regolamento (UE) 2018/1999 del
Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 dicembre 2018.