DECRETO-LEGGE 29 dicembre 2011, n. 216

Proroga di termini previsti da disposizioni legislative. (11G0260)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 29/12/2011.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 24 febbraio 2012, n. 14 (in S.O. n. 36, relativo alla G.U. 27/02/2012, n. 48).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 31/12/2019)
Testo in vigore dal: 28-2-2012
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 13 
 
 
              Proroga di termini in materia ambientale 
 
  1. Fino al 31 dicembre 2012, ai ((presidenti)) degli Enti parco  di
cui alla legge 6 dicembre 1991, n. 394, non si  applica  il  comma  2
dell'articolo 6 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,  convertito,
con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122. 
  ((1-bis. All'articolo 2, comma 3-bis, del decreto-legge 29 dicembre
2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla legge 26  febbraio
2011, n. 10, le parole: "30 settembre  2011"  sono  sostituite  dalle
seguenti: "31 dicembre 2012")). 
  2. Il termine di cui all'articolo 2, comma 186-bis, della legge  23
dicembre 2009, n. 191, e successive modificazioni, come prorogato  ai
sensi dell'articolo 1, commi 1 e 2,  del  decreto-legge  29  dicembre
2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla legge 26  febbraio
2011, n. 10,  e  dal  ((decreto  del  Presidente  del  Consiglio  dei
Ministri 25 marzo 2011, recante ulteriore proroga di termini relativa
al Ministero dell'ambiente  e  della  tutela  del  territorio  e  del
mare,)) pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 74 del 31 marzo  2011,
e' prorogato al 31 dicembre 2012. 
  3. All'articolo 6, comma 2, secondo periodo, del  decreto-legge  13
agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni,  dalla  legge  14
settembre 2011, n. 148, le parole: "9 febbraio 2012" sono  sostituite
dalle seguenti: "((30 giugno 2012))." ((A  decorrere  dalla  data  di
entrata in vigore della legge di conversione  del  presente  decreto,
per la gestione del Sistema di  controllo  della  tracciabilita'  dei
rifiuti (SISTRI), la competente Direzione del Ministero dell'ambiente
e della tutela del territorio e del mare puo' avvalersi dell'Istituto
superiore  per  la  protezione  e  la  ricerca  ambientale   per   lo
svolgimento di tutte le attivita' diverse da quelle  individuate  dal
contratto in essere avente  ad  oggetto  la  fornitura  del  relativo
sistema informatico e la  gestione  del  relativo  sito  internet.  A
decorrere  dal  medesimo  termine,  ogni   sei   mesi   il   Ministro
dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare trasmette alle
Camere  una  relazione  sullo  stato  di  attuazione  del  SISTRI.  A
quest'ultimo fine, per quanto attiene alla verifica del funzionamento
tecnico del sistema,  la  competente  Direzione  del  Ministero  puo'
avvalersi di DigitPA, secondo modalita'  stabilite  con  decreto  del
Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare,  di
concerto con il Ministero dell'istruzione, dell'universita'  e  della
ricerca, da adottare entro trenta giorni dalla  data  di  entrata  in
vigore   della   legge   di   conversione   del   presente   decreto.
Dall'attuazione della presente disposizione non devono derivare nuovi
o maggiori oneri a carico della finanza pubblica)). 
  ((3-bis.  All'articolo  6,  comma   2,   lettera   f-octies),   del
decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito,  con  modificazioni,
dalla legge 12 luglio 2011, n. 106, le parole: "al  1º  giugno  2012"
sono sostituite dalle seguenti: "al 30 giugno 2012")). 
  4. All'articolo 39, comma 9, del  decreto  legislativo  3  dicembre
2010, n. 205, le parole "31  dicembre  2011"  sono  sostituite  dalle
seguenti: "2 luglio 2012". 
  ((5. All'articolo 11 del decreto-legge 30 dicembre  2009,  n.  195,
convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 26, e
successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) al comma 2-ter, le parole: "31 dicembre 2011" sono  sostituite
dalle seguenti: "31 dicembre 2012"; 
    b) al comma 5-bis, le parole: "Per gli  anni  2010  e  2011",  le
parole: "30 settembre 2011" e le parole: "per gli anni 2010 e  2011"»
sono sostituite, rispettivamente, dalle seguenti: "Per gli anni 2010,
2011 e 2012", "30 settembre 2012" e "per gli anni 2010, 2011 e 2012"; 
    c) al comma 5-ter, le parole: "Per gli anni  2010  e  2011"  sono
sostituite dalle seguenti: "Per gli anni 2010, 2011 e 2012"; 
    d) il comma 5-quater e' sostituito dal seguente: 
    «5-quater. Fino al 31 dicembre 2012, nella regione  Campania,  le
societa' provinciali, per l'esercizio delle funzioni di  accertamento
e riscossione  della  TARSU  e  della  TIA,  potranno  continuare  ad
avvalersi dei soggetti di cui all'articolo 52, comma 5,  lettera  b),
numeri 1), 2) e 4), del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446.
In ogni caso  i  soggetti  affidatari,  anche  disgiuntamente,  delle
attivita' di accertamento e  riscossione  della  TARSU  e  della  TIA
continuano a svolgere dette attivita' fino alla scadenza dei relativi
contratti, senza possibilita' di proroga o rinnovo degli stessi")). 
  6. Il termine di cui all'articolo  6,  comma  1,  lettera  p),  del
decreto  legislativo  13  gennaio   2003,   n.   36,   e   successive
modificazioni, come da ultimo prorogato  ai  sensi  dell'articolo  1,
commi 1 e 2, del decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225,  convertito,
con modificazioni, dalla  legge  26  febbraio  2011,  n.  10,  e  dal
((decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri  25  marzo  2011,
recante  ulteriore  proroga  di   termini   relativa   al   Ministero
dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare,))  pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 74 del 31 marzo 2011, e' prorogato al  31
dicembre 2012. 
  7.  Il  termine  di  cui  all'articolo  7,  comma  2,  del  decreto
legislativo 27 marzo 2006, n. 161, e successive  modificazioni,  come
prorogato ai sensi dell'articolo 1, commi 1 e 2 del decreto-legge  29
dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla legge  26
febbraio 2011, n. 10, e dal ((decreto del  Presidente  del  Consiglio
dei Ministri 25 marzo 2011,  recante  ulteriore  proroga  di  termini
relativa al Ministero dell'ambiente e della tutela del  territorio  e
del mare,)) pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 74  del  31  marzo
2011, e' prorogato al 31 dicembre 2012.