DECRETO-LEGGE 10 gennaio 2006, n. 2

Interventi urgenti per i settori dell'agricoltura, dell'agroindustria, della pesca, nonche' in materia di fiscalita' d'impresa.

note: Entrata in vigore del decreto: 12-1-2006.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 11 marzo 2006, n. 81 (in SO n.58, relativo alla G.U. 11/03/2006, n.59).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 23/12/2013)
Testo in vigore dal: 1-3-2008
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                               Art. 5
             Interventi urgenti nel settore della pesca

  1.  L'entrata  in  vigore  dell'obbligo  di cui all'articolo 28 del
regolamento di cui al decreto del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti  5 agosto 2002, n. 218, come sostituito dall'articolo 5 del
regolamento di cui al decreto del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti  26 luglio 2004, n. 231, e' fissata al ((1° gennaio 2009)).
Fino  a  tale  data  continuano  ad  applicarsi  le  disposizioni  di
sicurezza  previste  dal  regolamento  di cui al decreto del Ministro
della  marina  mercantile  22  giugno 1982, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 200 del 22 luglio 1982, e dal decreto del Ministro delle
politiche  agricole  e  forestali  19  aprile  2000, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 126 del 1° giugno 2000.
  1-bis.  E' autorizzata presso il Ministero delle politiche agricole
e forestali la costituzione di un Fondo di assistenza per le famiglie
dei pescatori, destinato alla corresponsione di contributi agli eredi
di  ciascun deceduto in mare nella misura massima di 50.000 euro. Con
decreto  del  Ministero  delle  politiche  agricole  e forestali sono
determinate  le  modalita' per le erogazione dei contributi anche per
gli avvenimenti verificatisi nell'anno 2005.
  1-ter.  All'onere derivante dall'attuazione del comma 1-bis, pari a
euro  500..000  a  decorrere  dall'anno  2006,  si  provvede mediante
corrispondente  riduzione  dello  stanziamento  iscritto, ai fini dei
bilancio triennale 2006-2008, nell'ambito dell'unita' previsionale di
base di parte corrente "Fondo speciale" dello stato di previsione del
Ministero  dell'economia  e  delle (manze per l'anno 2006, allo scopo
parzialmente  utilizzando, per gli anni 2006 e 2007, l'accantonamento
relativo  al  Ministero  del  lavoro  e  delle politiche sociali e, a
decorrere  dall'anno  2008,  l'accantonamento  relativo  al Ministero
dell'ambiente   e   della   tutela   del   territorio.   11  Ministro
dell'economia  e delle finanze e' autorizzato ad apportare con propri
decreti le occorrenti variazioni di bilancio.
  1-quater.  Per  l'anno  2006  sono  confermati  gli obiettivi e gli
strumenti  di  intervento previsti per il 2005 ai sensi dell'articolo
5,  comma  2,  del  decreto  legislativo  27 maggio 2005, n. 100, nei
limiti  delle disponibilita' previste dal Piano nazionale della pesca
marittima  di cui all'articolo 1, comma 1, della legge 8 agosto 1991,
n. 267, per l'anno 2006, come determinate dalla tabella C della legge
23  dicembre  2005,  n. 266. Con decreto del Ministro delle politiche
agricole  e  forestali  si  provvede alla ripartizione delle predette
disponibilita'.
  1-quinquies. Il naufragio delle unita' da pesca, avvenuto nel corso
dell'anno  2005  ed accertato dall'Autorita' marittima, e' equiparato
al  ritiro  definitivo  con  priorita' della domanda presentata dagli
interessati  entro  il  31  marzo  2006 a valere sulle disponibilita'
finanziarie   del  programma  comunitario  Strumento  finanziario  di
orientamento della pesca (SFOP).
  1-sexies.  In  via  sperimentale  per l'anno 2006 agli imprenditori
ittici  esercenti  attivita' di pesca marittima di cui all'articolo 2
del  decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 226, si applica il regime
previsto  dall'articolo 34, comma 1, del decreto del Presidente della
Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni. Entro
trenta  giorni  dalla  data  di  entrata  in  vigore  della  legge di
conversione  del  presente decreto, il Ministro dell'economia e delle
finanze,  di  concerto  con  il  Ministro  delle politiche agricole e
forestali,  emana  il  decreto  di  cui  all'articolo 34 del predetto
decreto  del  Presidente della Repubblica n. 633 del 1972, stabilendo
le  percentuali  di  compensazione,  per un onere complessivo massimo
determinato  nei  limiti  di  12  milioni  di euro per l'anno 2006, a
valere  sulle disponibilita' previste dal Piano nazionale della pesca
marittima  di  cui  all'articolo  1,  comma 1, della legge n. 267 del
1991. Al fine di dare attuazione al presente comma, l' autorizzazione
di  spesa di cui all'articolo 1, comma 1, della legge n. 267 del 1991
per  l'anno  2006 e' conseguentemente aumentata di 10 milioni di euro
per le finalita' di cui al precedente periodo.
  1-septies.  All'onere  di  cui  al  comma 1-sexies, determinato nel
limite  massimo  di  12  milioni di euro per l'anno 2006, si provvede
quanto  a  2 milioni di euro a valere sull'autorizzazione di spesa di
cui  all'articolo 1, comma 1, della legge n. 267 del 1991, quanto a 5
milioni di euro mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione
di  spesa  di  cui  all'articolo  20, comma 8, della legge 8 novembre
2000,  n.  328,  come  determinate  dalla  tabella  C  della legge 23
dicembre  2005, n. 266, per l'anno 2006, e quanto a 5 milioni di euro
mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui
al decreto legislativo 27 maggio 1999, n. 165, come determinata dalla
predetta tabella C della legge n. 266 del 2005.