MINISTERO DELLA SANITA'

DECRETO 27 ottobre 2000, n. 380

Regolamento recante norme concernenti l'aggiornamento della disciplina del flusso informativo sui dimessi dagli istituti di ricovero pubblici e privati.

note: Entrata in vigore del decreto: 1-1-2001 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 07/02/2017)
vigente al 22/01/2022
  • Allegati
Testo in vigore dal: 22-2-2017
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                      IL MINISTRO DELLA SANITA' 
  Visto l'articolo 58 della legge 23 dicembre 1978, n. 833; 
  Visto il decreto del Ministro della sanita' del 28  dicembre  1991,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 13 del 17 gennaio 1992, con il
quale e' stata istituita la scheda di dimissione  ospedaliera,  quale
strumento ordinario per la raccolta delle  informazioni  relative  ad
ogni paziente dimesso da tutti gli istituti di  ricovero  pubblici  e
privati in tutto il territorio nazionale; 
  Visto in particolare l'articolo 5 del citato decreto con  il  quale
si  prevede  che  con   successivi   decreti   ministeriali   saranno
specificati analiticamente i contenuti delle variabili inserite nella
scheda di dimissione ospedaliera ed i relativi  sistemi  di  codifica
che tutti gli istituti di ricovero dovranno adottare; 
  Visto il decreto del Ministro della sanita'  del  26  luglio  1993,
pubblicato nella  Gazzetta  Ufficiale  n.  180  del  3  agosto  1993,
relativo alla disciplina del flusso  informativo  sui  dimessi  dagli
istituti di ricovero pubblici e privati,  con  il  quale  sono  stati
definiti i tempi e le modalita' della trasmissione delle informazioni
contenute nelle schede di dimissione ospedaliera alle regioni ed alle
province autonome e, da queste, al Ministero della sanita'; 
  Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; 
  Vista la legge 31 dicembre 1996, n. 675, e successive modifiche  ed
integrazioni, con particolare riguardo all'articolo  22,  commi  3  e
3-bis; 
  Visto  il  decreto  legislativo  11  maggio  1999,  n.   135,   con
particolare riferimento all'articolo 17; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 luglio 1999, n.
318, concernente: "Regolamento  recante  norme  per  l'individuazione
delle  misure  minime  di  sicurezza  per  il  trattamento  dei  dati
personali, a norma dell'articolo 15, comma 2, della legge 31 dicembre
1996, n. 675"; 
  Ritenuto di dover adeguare, sulla base delle esperienze  effettuate
e della evoluzione dei sistemi di classificazione  e  codifica  delle
informazioni, il contenuto informativo  della  scheda  di  dimissione
ospedaliera, nonche' i principi e le  regole  di  compilazione  e  di
codifica delle stesse informazioni; 
  Sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra  lo  Stato,  le
regioni e le province autonome nella seduta del 17 dicembre 1998; 
  Visto il parere del Garante per la protezione  dei  dati  personali
prot. 6705 del 4 ottobre 1999; 
  Ritenuto di modificare ed integrare  lo  schema  di  provvedimento,
cosi' come richiesto nel citato parere del Garante per la  protezione
dei dati personali; 
  Sentita nuovamente la Conferenza permanente per i rapporti  tra  lo
Stato, le regioni e le province autonome nella seduta del  20  luglio
2000; 
  Udito il parere del Consiglio  di  Stato,  espresso  dalla  sezione
consultiva per gli atti  normativi  nell'adunanza  del  18  settembre
2000; 
  Considerato che, in relazione al rilievo formulato dal Consiglio di
Stato  in  ordine  all'informazione  dovuta  agli   interessati,   e'
opportuno richiamare espressamente la prevista adozione di  specifici
provvedimenti ai sensi dell'articolo 23, comma 1-bis, della legge  31
dicembre 1996, n. 675, e successive modificazioni ed integrazioni,  e
dell'articolo 17, comma 3, del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 
135, nonche' ribadire in ogni caso il disposto dell'articolo 10 della
citata legge 31 dicembre 1996, n. 675; 
  Considerato che  il  rilievo  del  Consiglio  di  Stato  in  ordine
all'acquisizione del parere dell'Autorita'  per  l'informatica  nella
pubblica amministrazione appare superabile alla luce del parere della
predetta autorita' del 21 luglio 2000; 
  Vista la comunicazione inviata alla Presidenza  del  Consiglio  dei
Ministri in data 17 ottobre 2000; 
                               Adotta 
                      il seguente regolamento: 
                               Art. 1. 
  ((1. La scheda di dimissione ospedaliera si compone delle  seguenti
sezioni: 
    A. la sezione prima, che contiene le informazioni anagrafiche  di
seguito riportate: 
  1) codice istituto di cura; 
  2) numero progressivo della scheda SDO; 
  2-bis) numero progressivo scheda SDO della puerpera; 
  3) cognome e nome del paziente; 
  4) sesso; 
  5) data di nascita; 
  6) comune di nascita; 
  6-bis) livello di istruzione; 
  7) stato civile; 
  8) comune di residenza; 
  9) cittadinanza; 
  10) codice identificativo del paziente; 
  11) regione di residenza; 
  12) ASL di residenza; 
    B. la sezione seconda, che contiene le informazioni del  seguente
elenco,  la  cui  numerazione  riprende  e  prosegue  la  numerazione
dell'elenco di cui alla precedente lettera A): 
  1) codice istituto di cura; 
  2) numero progressivo della scheda SDO; 
  13) regime di ricovero; 
  13-bis) data di prenotazione; 
  13-ter) classe di priorita'; 
  14) data di ricovero; 
  14-bis) ora di ricovero; 
  15) unita' operativa di ammissione; 
  16) onere della degenza; 
  17) provenienza del paziente; 
  18) tipo di ricovero; 
  19) traumatismi o intossicazioni; 
  19-bis) codice causa esterna; 
  20) trasferimenti interni; 
  20-bis) trasferimenti esterni; 
  20-ter) unita' operativa trasferimento esterno; 
  21) unita' operativa di dimissione; 
  22) data di dimissione o morte; 
  22-bis) ora di dimissione o morte; 
  23) modalita' di dimissione; 
  24) riscontro autoptico; 
  25) motivo del ricovero in regime diurno; 
  26) numero di giornate di presenza in ricovero diurno; 
  27) peso alla nascita; 
  28) diagnosi principale di dimissione; 
  28-bis) diagnosi principale di dimissione presente al ricovero; 
  29) diagnosi secondarie di dimissione; 
  29-bis) diagnosi secondarie presenti al ricovero; 
  30) intervento principale; 
  30-bis) intervento principale esterno; 
  30-ter) data intervento principale; 
  30-quater) ora inizio intervento principale; 
  30-quinquies) identificativo chirurgo intervento principale; 
  30-sexies) identificativo anestesista intervento principale; 
  30-septies) check list sala operatoria intervento principale; 
  31) interventi secondari; 
  31-bis) interventi secondari esterni; 
  32) data intervento secondario; 
  33) ora inizio intervento secondario; 
  34) identificativo chirurgo intervento secondario; 
  35) identificativo anestesista intervento secondario; 
  36) check list sala operatoria intervento secondario; 
  37) rilevazione del dolore; 
  38) stadiazione condensata; 
  39) pressione arteriosa sistolica; 
  40) creatinina serica; 
  41) frazione eiezione.)) 
  2. Le regioni e le province autonome  possono  prevedere  ulteriori
informazioni  da  rilevare  attraverso  la   scheda   di   dimissione
ospedaliera, fermo restando il contenuto informativo minimo di cui al
comma 1.