DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1996, n. 699

Regolamento recante individuazione degli uffici di livello dirigenziale generale del Ministero delle finanze e delle relative funzioni.

note: Entrata in vigore del decreto: 1-3-1997 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 10/04/2001)
vigente al 31/10/2020
  • Allegati
Testo in vigore dal: 25-4-2001
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'art. 87, comma quinto, della Costituzione;
 Vista  la  legge  29  ottobre  1991,  n.  358,  recante norme per la
ristrutturazione   del   Ministero   delle   finanze,   e  successive
modificazioni;
 Visto  il  regolamento  degli  uffici  e del personale del Ministero
delle finanze, emanato con decreto del Presidente della Repubblica 27
marzo 1992, n. 287, e successive modificazioni;
 Visto  il  regolamento  concernente  l'organizzazione  della  scuola
centrale   tributaria,  emanato  con  decreto  del  Presidente  della
Repubblica del 31 luglio 1996, n. 526;
 Visto l'art. 1, commi 10 e 11, della legge 28 dicembre 1995, n. 549;
 Visto  il  decreto  legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, e successive
modificazioni  ed  integrazioni, ed in particolare l'art. 6, comma 1,
primo periodo;
 Visto  il  decreto del Ministro delle finanze 5 giugno 1995, n. 241,
recante  il  regolamento  istitutivo  del  servizio  per il controllo
interno   del  Ministero  delle  finanze,  adottato  in  applicazione
dell'art. 20, comma 2, del decreto legislativo n. 29 del 1993;
 Considerata  la  necessita'  di  procedere  all'individuazione degli
ullici di livello dirigenziale generale del Ministero delle finanze e
delle relative funzioni, con esclusione degli uffici del Dipartimento
delle dogane ed imposte indirette;
 Considerata la necessita' di apportare, in relazione a quanto sopra,
modifiche e integrazioni alla disciplina contenuta nei citati decreti
del  Presidente  della  Repubblica  27 marzo 1992, n. 287, e 9 giugno
1992, n. 336;
 Visto l'art. 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
 Uditi  il  parere  del  Consiglio  di  Stato, espresso nell'Adunanza
generale  del  22  febbraio  1996, nonche' quello successivo espresso
nell'adunanza generale del 28 novembre 1996;
 Vista  la  deliberazione  del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 12 dicembre 1996;
 Sulla  proposta  del  Ministro  delle  finanze,  di  concerto  con i
Ministri per la funzione pubblica e del tesoro;

 Emana
                      il seguente regolamento:

                               Art. 1.
      (( ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 26 MARZO 2001, N. 107 ))