MINISTERO DELLA MARINA MERCANTILE

DECRETO 31 ottobre 1991, n. 459

Regolamento recante norme sul trasporto marittimo dei rifiuti in colli.

note: Entrata in vigore del decreto: 26/4/1992 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/07/2005)
vigente al 17/01/2022
  • Allegati
Testo in vigore dal: 30-7-2005
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
                             IL MINISTRO 
                       DELLA MARINA MERCANTILE 
                           DI CONCERTO CON 
                      IL MINISTRO DELL'AMBIENTE 
  Vista la legge  5  giugno  1962,  n.  616,  sulla  sicurezza  della
navigazione e della vita umana in mare; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1968,  n.
1008, recante "Regolamento per l'imbarco, trasporto per mare,  sbarco
e trasbordo delle merci pericolose in colli"; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 settembre 1982,
n. 915, concernente  "Attuazione  delle  direttive  (CEE)  n.  75/442
relativa  ai  rifiuti,  n.  76/403  relativa  allo  smaltimento   dei
policlorodifenili e dei policlorotrifenili e n.  78/319  relativa  ai
rifiuti tossici e nocivi"; 
  Vista  la  deliberazione  in  data  27  lublio  1984  del  Comitato
interministeriale di cui all'art. 5 del decreto del Presidente  della
Repubblica 10 settembre 1982, n. 915, recante  "Disposizioni  per  la
prima applicazione dell'art.  4  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica 10 settembre 1982, n. 915, concernente lo smaltimento  dei
rifiuti", pubblicata nel supplemento ordinario n.  52  alla  Gazzetta
Ufficiale n. 253 del 13 settembre 1984; 
  Visto il decreto ministeriale 23 maggio 1985, recante "Norme  sugli
imballaggi destinati al trasporto marittimo di  merci  pericolose  in
colli", pubblicato nel supplemento  ordinario  n.  60  alla  Gazzetta
Ufficiale n. 162 dell'11 luglio 1985; 
  Visto il decreto ministeriale 16 maggio 1986 di "Approvazione delle
etichette  di  pericolo  da  applicare  sui  colli  contenenti  merci
pericolose", pubblicato nel supplemento ordinario n. 68 alla Gazzetta
Ufficiale n. 184 del 9 agosto 1986; 
  Visto l'art. 9- bis, comma 6, della legge 9 novembre 1988, n.  475,
di conversione in  legge,  con  modificazioni,  del  decreto-legge  9
settembre 1988, n. 397, recante disposizioni urgenti  in  materia  di
smaltimento dei rifiuti industriali; 
  Visto il decreto ministeriale 22 ottobre 1988, emanato dal Ministro
dell'ambiente, di concerto con il Ministro della  marina  mercantile,
recante "Norme in materia  di  esportazione  e  di  importazione  dei
rifiuti", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 256 del  31  ottobre
1988; 
  Considerato che i rifiuti speciali nonche' quelli tossici e  nocivi
di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 915/1982,  sopra
menzionato, provenienti da lavorazioni  industriali  sono  assimilati
alle merci per quanto concerne il  regime  normativo  in  materia  di
trasporti via mare, ai sensi del comma 4 dell'art. 9- bisdella  legge
n. 475/1988 sopra citata; 
  Considerato che i rifiuti liquidi, solidi o pastosi, contenenti una
o piu' sostanze di cui all'elenco allegato al decreto del  Presidente
della Repubblica 10 settembre 1982, n. 915, o  da  esse  contaminati,
inclusi i policlorodifenili e i policlorotrifenili  e  loro  miscele,
sono da considerarsi pericolosi per la salute e l'ambiente  anche  ai
fini del trasporto marittimo; 
  Tenuto conto che tali sostanze sono da inserire nella classe 9  che
comprende le merci che per loro natura non possono essere incluse  in
nessuna delle altre classi; 
  Sentito il Comitato centrale per la sicurezza della navigazione  in
data 5 gennaio 1989; 
  Visto l'art. 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; 
  Udito il parere del Consiglio di Stato nell'adunanza  generale  del
22 aprile 1991; 
  Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, di
cui alla nota n. 3101955/MP del 23 ottobre 1991; 
 
                             A D O T T A 
                      il seguente regolamento: 
 
                               Art. 1. 
       ((ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 6 GIUGNO 2005, N. 134))