DECRETO-LEGGE 27 dicembre 1989, n. 413

Disposizioni urgenti in materia di trattamento economico dei dirigenti dello Stato e delle categorie ad essi equiparate, nonche' in materia di pubblico impiego.

note: Entrata in vigore del decreto: 31/12/1989.
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 28 febbraio 1990, n. 37 (in G.U. 28/02/1990, n.49).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 29/12/2001)
Testo in vigore dal: 31-12-1989
al: 28-2-1990
aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; 
  Ritenuta la straordinaria necessita' ed urgenza di emanare norme in
materia di trattamento economico dei dirigenti dello  Stato  e  delle
categorie ad essi equiparate, nonche' di trasferimenti ed  assunzioni
di personale nelle amministrazioni pubbliche; 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri,  adottata  nella
riunione del 22 dicembre 1989; 
  Sulla proposta del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri,  del
Ministro del tesoro e del  Ministro  per  la  funzione  pubblica,  di
concerto  con  il  Ministro  del  bilancio  e  della   programmazione
economica; 
                              E M A N A 
                     il seguente decreto-legge: 
                               Art. 1. 
  1. A decorrere dal 1° gennaio 1989 ai dirigenti civili dello  Stato
ed alle categorie di personale ad essi equiparate, ai dipendenti  che
godono  di  trattamenti  commisurati  o  rapportati  a   quelli   dei
dirigenti,  nonche'  al  personale  di   magistratura,   si   applica
l'articolo  15  del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica   17
settembre 1987, n. 494. 
  2. Per le categorie di personale di cui al comma  1,  ad  eccezione
dei professori e ricercatori universitari e  del  personale  ad  essi
equiparato, nonche' del personale di magistratura,  le  misure  degli
stipendi iniziali annui lordi, in attesa dell'entrata in vigore della
legge di riordino della dirigenza pubblica, sono incrementate del  15
per cento con decorrenza 1° marzo 1989. 
  3. A decorrere  dalla  data  di  entrata  in  vigore  del  presente
decreto, le parole: "90 per cento" di cui all'articolo  2,  comma  4,
del  decreto-legge  28  gennaio   1986,   n.   9,   convertito,   con
modificazioni, dalla legge 24 marzo  1986,  n.  78,  sono  sostituite
dalle seguenti: "92 per cento". 
  4.  Le  disposizioni  previste  dall'articolo  5  del  decreto  del
Presidente della Repubblica 23 agosto 1988, n.  395,  in  materia  di
trattamento di missione  si  applicano,  con  gli  stessi  criteri  e
modalita', al personale di magistratura, ai dirigenti dello Stato  ed
alle categorie ad essi  collegate,  ai  professori  universitari,  al
personale delle forze armate, nonche' ai Corpi di  polizia  civili  e
militari.