DECRETO-LEGGE 9 gennaio 1989, n. 3

Disposizioni urgenti in materia di rapporti finanziari con le Comunita' europee.

note: Entrata in vigore del decreto: 10-01-1989.
Decreto-Legge convertito dalla L. 07 marzo 1989, n. 84 (in G.U. 10/03/1989, n.58).
(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 25/06/2008)
Testo in vigore dal: 10-1-1989
al: 21-12-2008
aggiornamenti all'articolo
                    IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
  Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;
  Ritenuta  la  straordinaria  necessita' ed urgenza di assicurare il
concorso da parte dell'Italia nel finanziamento  del  bilancio  delle
Comunita'    europee    nel    1988,   in   attuazione   dell'accordo
intergovernativo del 22 giugno 1988;
  Vista  la  deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 5 gennaio 1989;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del  Consiglio dei Ministri e del
Ministro del tesoro, di concerto con i Ministri degli affari  esteri,
del  bilancio e della programmazione economica e per il coordinamento
delle politiche comunitarie;
                              E M A N A
                         il seguente decreto:
                               Art. 1.
  1.  Per assicurare il concorso nel finanziamento del bilancio delle
Comunita' europee per l'anno  1988,  e'  autorizzato  il  versamento,
sotto  forma  di  anticipi non rimborsabili, nell'importo massimo del
controvalore in lire di 1.371.840.144 unita' di conto europee  (ECU),
quale  onere  posto  a  carico dell'Italia in attuazione dell'accordo
intergovernativo stipulato dai rappresentanti dei Governi degli Stati
membri,  riuniti  in  sede  di Consiglio nella sessione del 22 giugno
1988.