DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 26 aprile 1982, n. 300

Approvazione ed esecuzione della disciplina dei criteri di inquadramento nei ruoli degli enti locali (comuni) del personale proveniente dallo Stato e dagli enti disciolti o riformati ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, e della legge 21 ottobre 1978, n. 641.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 10/06/1982)
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 1-6-1982
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 

 
  Visto l'art. 87 della Costituzione; 
  Visto  l'art.  6  del  decreto-legge  29  dicembre  1977,  n.  946,
concernente provvedimenti urgenti  per  la  finanza  locale,  con  le
modifiche apportate dalla legge di conversione 27 febbraio  1978,  n.
43; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10  gennaio  1957,
n. 3, e successive modificazioni; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre  1970,
n. 1077; 
  Vista la legge 20 marzo 1975, n. 70; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 maggio 1976, n.
411; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16  ottobre  1979,
n. 509; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n.
616; 
  Vista la legge 21 ottobre 1978, n. 641; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 1 giugno 1979,  n.
191; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 7  novembre  1980,
n. 810; 
  Vista la legge 11 luglio 1980, n. 312; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 giugno 1981,  n.
310; 
  Visto il decreto-legge 6 giugno  1981,  n.  283,  convertito  nella
legge 6 agosto 1981, n. 432; 
  Visti  gli  accordi   concernenti   la   disciplina   dei   criteri
d'inquadramento nei ruoli degli enti locali del personale proveniente
dallo Stato e dagli enti disciolti o riformati, di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, ed alla legge  21
ottobre 1978, n. 641, sottoscritti il 3 dicembre 1981, il 21  gennaio
ed il 10 febbraio 1982 tra le delegazioni del Governo, delle regioni,
dell'ANCI, dell'UPI e  delle  organizzazioni  sindacali  maggiormente
rappresentative su  base  nazionale  dei  lavoratori  dipendenti  dai
suddetti enti; 
  Considerato che occorre  dare  attuazione  ai  citati  accordi  per
quanto  concerne  il  personale  da  inquadrare  negli  enti   locali
(comuni); 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri,  adottata  nella
riunione dell'8 aprile 1982; 
  Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri; 

 
                              Decreta: 

 
  La disciplina dei criteri di inquadramento contenuta negli  accordi
in epigrafe indicati e' approvata  e  resa  esecutiva,  limitatamente
alle parti  concernenti  il  personale  destinato  agli  enti  locali
(comuni),  ai  sensi   dell'art.   6,   diciannovesimo   comma,   del
decreto-legge 29 dicembre 1977, n. 946, con  le  modifiche  apportate
dalla legge di conversione 27 febbraio  1978,  n.  43,  ed  entra  in
vigore il giorno successivo a quello della pubblicazione del presente
decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. 

 
  Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara'  inserto
nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare. 

 
  Dato a Roma, addi' 26 aprile 1982 

 
                               PERTINI 

 
                                                            SPADOLINI 

 
Visto, il Guardasigilli: DARIDA 
Registrato alla Corte dei conti, addi' 25 maggio 1982 
Atti di Governo, registro n. 39, foglio n. 24