DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 25 ottobre 1981, n. 742

Ordinamento della banda musicale della Polizia di Stato.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 09/02/2012)
Testo in vigore dal: 31-12-1981
al: 5-6-2012
aggiornamenti all'articolo
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Visto l'art. 87, comma quinto, della Costituzione;
  Visto  l'art.  98 della legge 1 aprile 1981, n. 121, concernente il
nuovo  ordinamento dell'Amministrazione della pubblica sicurezza, con
il quale viene conferita delega al Governo per adeguare l'ordinamento
della  banda  musicale  del disciolto Corpo delle guardie di pubblica
sicurezza  al nuovo ordinamento della Polizia di Stato, apportando le
necessarie  modificazioni per qualificare adeguatamente le capacita',
i  titoli professionali del personale nonche' il valore artistico del
complesso;
  Visto  l'art.  36  della  legge 1 aprile 1981, n. 121, con il quale
viene  conferita delega al Governo per provvedere alla determinazione
dell'ordinamento del personale della Polizia di Stato;
  Sentiti i pareri delle commissioni parlamentari di cui all'art. 109
della legge 1 aprile 1981, n. 121;
  Vista  la  deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 23 ottobre 1981;
  Sulla  proposta  del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri, di
concerto con i Ministri dell'interno e del tesoro;

                                EMANA

il seguente decreto:
                               Art. 1.
                    Compiti della banda musicale

  La banda musicale della Polizia di Stato ha sede in Roma.
  Essa   e'  un  complesso  organico  destinato  a  partecipare  alle
celebrazioni  piu'  importanti della vita della istituzione nonche' a
rappresentare  la  Polizia  di  Stato  in occasione di manifestazioni
pubbliche organizzate anche a livello internazionale.
  Essa   puo'   essere,  altresi',  autorizzata  a  svolgere  la  sua
attivita',  nel  perseguimento  di  scopi  di  interesse generale, in
collegamento con istituti di istruzione, con associazioni culturali e
con enti pubblici o privati.