DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 novembre 1965, n. 1746

Modifica dell'art. 18 dei decreti presidenziali istitutivi di Istituti professionali per il commercio, alberghieri femminili.

vigente al 21/01/2022
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 15-10-1966
attiva riferimenti normativi
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  Veduto  il  regio  decreto 6 maggio 1923, n. 1054, sull'ordinamento
dell'istruzione media;
  Veduto  il  regio  decreto 27 novembre 1924, n. 2367, recante norme
sullo stato dei presidi degli Istituti medi;
  Veduta   la  legge  15  giugno  1931,  n.  889,  sul  riordinamento
dell'istruzione media tecnica;
  Veduto l'art. 9 del regio decreto-legge 21 settembre 1938, n. 2038,
convertito nella legge 2 giugno 1939, n. 739;
  Veduto  il  regio  decreto  11 febbraio 1941, n. 397, recante norme
relative  alla  nomina  dei  presidi e dei direttori degli Istituti e
Scuole di istruzione media tecnica;
  Veduto  il decreto del Capo provvisorio dello Stato 21 aprile 1947,
n. 629, recante norme sulla nomina dei capi di Istituto;
  Veduta  la  legge  25  maggio  1962,  n.  545,  con  cui sono stati
determinati  i  requisiti  di  anzianita'  per  la  partecipazione ai
concorsi a posti di preside;
  Veduta la legge 14 novembre 1962, n. 1685, concernente le modalita'
di svolgimento dei suddetti concorsi;
  Veduta  la  legge  11  dicembre  1962, n. 1700, recante norme sulla
valutazione  del  servizio prestato dai professori dei ruoli speciali
transitori passati nei ruoli ordinari;
  Veduti  i  decreti  del  Presidente della Repubblica istitutivi dei
seguenti:

  ISTITUTI PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO

  Agrigento:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1962, n. 2140;
  Albano:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2141;
  Alessandria:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre
1962, n. 2142;
  Ancona:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1979;
  Anzio:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1875;
  Arezzo:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1949;
  Asti: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962, n.
2143;
  Avellino:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1964, n. 1686;
  Bari: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1957, n.
1481;
  Barletta:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1962, n. 2144;
  Bassano  del  Grappa:  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1948;
  Belluno: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1950;
  Benevento:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1945;
  Bergamo: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1956;
  Bologna  "Aldrovandi":  decreto  del Presidente della Repubblica 30
settembre 1964, n. 1685;
  Bologna  "Manfredi":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 22
giugno 1960, n. 1957;
  Bolzano,  lingua  italiana: decreto del Presidente della Repubblica
30 settembre 1961, n. 1974;
  Bolzano, lingua tedesca: decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1976;
  Brescia: decreto del Presidente della Repubblica 21 luglio 1959, n.
1398;
  Brindisi:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1962, n. 2146;
  Carrara: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1902;
  Caserta: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1957;
  Catania: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1903;
  Catanzaro:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1967;
  Citta'  di  Castello:  decreto  del  Presidente della Repubblica 10
luglio 1960, n. 1983;
  Como: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1971;
  Conegliano:  decreto  del  Presidente della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1970;
  Cosenza: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1955;
  Crema:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1904;
  Cremona: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1959;
  Cuneo:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1969;
  Empoli:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1905;
  Este: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1968;
  Fano: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1906;
  Ferrara: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963,
n. 1946;
  Firenze "Da Verrazzano": decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1907;
  Firenze  "Peruzzi":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 10
luglio 1960, n. 1955;
  Firenze  "Sassetti":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30
settembre 1962, n. 2149;
  Foggia:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2150;
  Forli:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963,
n. 1951;
  Frascati:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 1980;
  Frosinone:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 1982;
  Genova  "Paliano":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1962, n. 2148;
  Genova  "Bertani":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1963, n. 1955;
  Genova  "Ruffini":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1961, n. 1922;
  Genova-Nervi:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1978;
  Genova-Sampierdarena:  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1962, n. 2147;
  Gorizia: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1919;
  Grosseto:  decreto  del Presidente della Repubblica 17 luglio 1960,
n. 2017;
  Imperia-Oneglia:   decreto   del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1961, n. 1920;
  Ivrea:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1684;
  Lanciano:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 1985;
  La  Spezia: decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 1984;
  Lecce:  decreto  del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1977;
  Livorno: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1908;
  Lucca:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2137;
  Mantova: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2162;
  Marsala: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1926;
  Merano:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2161;
  Messina: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2136;
  Milano   "Prisi":   decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1961, n. 1889;
  Milano  "Lombardini":  decreto  del  Presidente della Repubblica 22
giugno 1960, n. 1993;
  Milano "Mazzini": decreto del Presidente della Repubblica 21 luglio
1959, n. 1448;
  Modena:  decreto del Presidente della Repubblica 21 luglio 1959, n.
1999;
  Molfetta:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1961, n. 1890;
  Montevarchi:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre
1962, n. 2135;
  Monza:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1999;
  Napoli  "Caracciolo":  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1977;
  Napoli  "Fortunato":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1925;
  Napoli  "Della  Porta":  decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1891;
  Napoli  "Salvator Rosa": decreto del Presidente della Repubblica 22
giugno 1960, n. 1995;
  Novi  Ligure:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1892;
  Novara:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1957,
n. 1500;
  Padova:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2021;
  Palermo: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1924;
  Parma:  decreto del Presidente della Repubblica 30- settembre 1961,
n. 1893;
  Pavia:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2000;
  Perugia: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1955, n.
1449;
  Pesaro:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1923;
  Pescara: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
2024;
  Piacenza:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1961, n. 1928;
  Pisa: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1901;
  Pistoia: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1994;
  Prato:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2171;
  Ragusa:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2001;
  Ravenna:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961
n. 1918;
  Reggio  Calabria: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto
1959, n. 1414;
  Reggio Emilia: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre
1963, n. 1954;
  Rho:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1449;
  Rimini:  decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1459;
  Roma  "Buonarroti":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 10
luglio 1960, n. 2007;
  Roma  "Cesi":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 22 luglio
1960, n. 2006;
  Roma  "Ferrara":  decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno
1960, n. 2002;
  Roma  "Della  Valle":  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1973;
  Roma  "G.  Romano":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30
settembre 1961, n. 1877;
  Roma  "L.  Einaudi":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 10
luglio 1960, n. 2008;
  Roma  "Metastasio":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 29
settembre 1936, n. 1726;
  Roma  "Carlo  Moneta":  decreto  del Presidente della Repubblica 30
settembre 1962, n. 2133;
  Roma  "G.  Morosini":  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1931;
  Roma  "U.  di  Savoia":  decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1964, n. 1675;
  Roma   "Vespucci":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1961, n. 1944;
  Salerno: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1921;
  Saluzzo: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1676;
  Sanremo: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1953;
  Santa Margherita Ligure: decreto del Presidente della Repubblica 24
aprile 1965, n. 1666;
  Sassari: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1952;
  Savona:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1953;
  Siena:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1927;
  Sondrio: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2134;
  Taranto: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1965;
  Terni:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1930;
  Terracina:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1917;
  Torino  "Giulio": decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno
1960, n. 1944;
  Torino   "Bosso":   decreto  del  Presidente  della  Repubblica  29
settembre 1956, n. 1723;
  Torre  Annunziata:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1962, n. 2163;
  Tortona: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2152;
  Trani:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1673;
  Trapani: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1975;
  Trento:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1972;
  Treviso: decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1947;
  Trieste: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2139;
  Udine:  decreto  del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1413;
  Vercelli:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1961, n. 1956;
  Verona:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1958;
  Viareggio:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1932;
  Vicenza: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1966;
  Vigevano:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1962, n. 2151;
  Viterbo: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1943;
  Voghera: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2138.

  ISTITUTI PROFESSIONALI ALBERGHIERI

  Abano  Terme:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 26 maggio
1955, n. 1555;
  Alassio: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1677;
  Bari:  decreto  del  Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1460;
  Chianciano Terme: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto
1959, n. 1425;
  Firenze: decreto del Presidente della Repubblica 26 maggio 1955, n.
1556;
  Fiuggi:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2155;
  Gardone  Riviera: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno
1960, n. 2014;
  Genova:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1957,
n. 1483;
  Milano  decreto  del Presidente della Repubblica 14 luglio 1960, n.
2023;
  Montecatini  Terme:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 20
agosto 1959, n. 1458;
  Napoli:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1954,
n. 1581;
  Palermo: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1427;
  Recoaro Terme: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre
1964, n. 1674;
  Riccione:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1962, n. 2170;
  Rieti: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 162, n.
2116;
  Roccaraso:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 2018;
  Salerno: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
2004;
  Salsomaggiore:  decreto  del  Presidente della Repubblica 10 luglio
1960, n. 2009;
  San  Pellegrino  Terme:  decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1962, n. 2154;
  Sassari: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1459;
  Senigallia: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960,
n. 1947;
  Soverato:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1964, n. 1672;
  Stresa:  decreto del Presidente della Repubblica 26 maggio 1955, n.
1554;
  Torino:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2156;
  Varallo  Sesia:  decreto  del Presidente della Repubblica 24 aprile
1965, n. 1686;

  ISTITUTI PROFESSIONALI FEMMINILI

  Bari: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1926;
  Bologna:  decreto  del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1953,
n. 736;
  Brescia: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2168;
  Catania: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1682;
  Firenze:  decreto  del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1953,
n. 732;
  Forli:  decreto  del Presidente della Repubblica 29 settembre 1954,
n. 1573;
  Lucca:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2015;
  Lucca:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2015;
  Macerata:  decreto  del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960,
n. 1978;
  Matera:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1678;
  Milano: decreto del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1953, n.
737;
  Modena:  decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1432;
  Napoli:  decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1954,
n. 1576;
  Padova:  decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1954,
n. 1566;
  Piazza  Armerina: decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio
1960, n. 1998;
  Potenza: decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1986;
  Reggio Emilia: decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre
1954, n. 1545;
  Roma  "Confalonieri":  decreto  del  Presidente della Repubblica 27
giugno 1960, n. 1945;
  Roma  "Diaz":  decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre
1956, n. 1727;
  Roma "Giuliani": decreto del Presidente della Repubblica 28 gennaio
1953, n. 733;
  Roma "Vittorino da Feltre": decreto del Presidente della Repubblica
10 luglio 1960, n. 1952;
  Salerno: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1681;
  Taranto: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2172;
  Vicenza: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1683;
  Veduto   il   primo   comma   dell'art.  18  dei  suddetti  decreti
presidenziali  con  cui  vengono fissate le norme per il conferimento
mediante pubblico concorso del posto di preside;
  Considerato  che  detto  comma,  tra  l'altro ammette a concorso in
questione    solo    insegnanti   di   materie   tecniche   escludono
ingiustificamente gli insegnanti di materie non tecniche;
  Ritenuta  la  necessita'  e  la  convenienza di conformare la norma
predetta  alle  disposizioni  vigenti  per i concorsi a preside negli
Istituti di istruzione tecnica;
  Sulla  proposta  del  Ministro  Segretario di Stato per la pubblica
istruzione di concerto con quelli per l'interno e per il tesoro;

                              Decreta:
                           Articolo unico.

  Il  primo  comma  dell'art.  18  dei  decreti  del Presidente della
Repubblica istitutivi dei seguenti:

  ISTITUTI PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO

  Agrigento:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1962, n. 2140;
  Albano:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2141;
  Alessandria:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre
1962, n. 2142;
  Ancona:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1979;
  Anzio:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1875;
  Arezzo:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1949;
  Asti: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962, n.
2143;
  Avellino:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1964, n. 1686;
  Bari: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1957, n.
1481;
  Barletta:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1962, n. 2144;
  Bassano  del  Grappa:  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1948;
  Belluno: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1950;
  Benevento:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1945;
  Bergamo: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1956;
  Bologna  "Aldrovandi":  decreto  dei Presidente della Repubblica 30
settembre 1964, n. 1685
  Bologna  "Manfredi":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 22
giugno 1960, n. 1957;
  Bolzano lingua italiana: decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1974;
  Bolzano  lingua tedesca: decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1976;
  Brescia: decreto del Presidente della Repubblica 21 luglio 1959, n.
1398;
  Brindisi:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1962, n. 2146;
  Carrara: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1902;
  Caserta: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1957;
  Catania: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1903;
  Catanzaro:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1967;
  Citta'  di  Castello: decreto del Presidente della Repubblica n. 10
luglio 1960, n. 9;
  Como: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1971;
  Conegliano:  decreto  del  Presidente della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1970;
  Cosenza: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1955;
  Crema:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1904;
  Cremona: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1959;
  Cuneo:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1969;
  Empoli:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1905;
  Este: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1968;
  Fano: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1906;
  Ferrara: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963,
n. 1946;
  Firenze "Da Verrazzano": decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1907;
  Firenze  "Peruzzi":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 10
luglio 1960, n. 1955;
  Firenze  "Sassetti":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30
settembre 1962, n. 2149;
  Foggia:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2150;
  Forli':  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1963,
n. 1951;
  Frascati:  decreto  dei Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 1980;
  Frosinone:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 1982;
  Genova  "Baliano":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1962, n. 2148;
  Genova  "Bertani":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1963, n. 1955;
  Genova  "Ruffini":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1961, n. 1922;
  Genova-Nervi:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1978;
  Genova-Sampierdarena:  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1962, n. 2147;
  Gorizia: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1919;
  Grosseto:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 2017;
  Imperia-Oneglia:   decreto   del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1961, n. 1920;
  Ivrea:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1684;
  Lanciano:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 1985;
  La  Spezia: decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960,
n. 1984;
  Lecce:  decreto  del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1977;
  Livorno: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1908;
  Lucca:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2137;
  Mantova: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2162;
  Marsala: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1926;
  Merano:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2161;
  Messina: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2136;
  Milano   "Frisi":   decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1961, n. 1889;
  Milano  "Lombardini":  decreto  del  Presidente della Repubblica 22
giugno 1960, n. 1993;
  Milano "Mazzini": decreto del Presidente della Repubblica 21 luglio
1959, n. 1448;
  Modena:  decreto del Presidente della Repubblica 21 luglio 1959, n.
1999;
  Molfetta:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1961, n. 1890;
  Montevarchi:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre
1962, n. 2135;
  Monza:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1999;
  Napoli  "Caracciolo":  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1977;
  Napoli  "Fortunato":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1925;
  Napoli  "Della  Porta":  decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1891;
  Napoli  "Salvator Rosa": decreto del Presidente della Repubblica 22
giugno 1960, n. 1995;
  Novi  Ligure:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1892;
  Novara:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1957,
n. 1500;
  Padova:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2021;
  Palermo: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1924;
  Parma:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1893;
  Pavia:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2000;
  Perugia: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1955, n.
1449;
  Pesaro:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1923;
  Pescara: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
2024;
  Piacenza:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1961, n. 1928;
  Pisa: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1901;
  Pistoia: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1994;
  Prato:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2171;
  Ragusa:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2001;
  Ravenna: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1918;
  Reggio  Calabria: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto
1959, n. 1414;
  Reggio Emilia: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre
1963, n. 1954;
  Rho:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1449;
  Rimini:  decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1459;
  Roma  "Buonarroti":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 10
luglio 1960, n. 2007;
  Roma  "Cesi":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 22 luglio
1960, n. 2006;
  Roma  "Ferrara":  decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno
1960, n. 2002;
  Roma  "Della  Valle":  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1973;
  Roma  "G.  Romano":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30
settembre 1961, n. 1877;
  Roma  "L.  Einaudi":  decreto  del  Presidente  della Repubblica 10
luglio 1960, n. 2008;
  Roma  "Metastasio":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 29
settembre 1956, n. 1726;
  Roma  "Carlo  Moneta":  decreto  del Presidente della Repubblica 30
settembre 1962, n. 2133;
  Roma  "G.  Morosini":  decreto  del  Presidente della Repubblica 30
settembre 1961, n. 1931;
  Roma  "U.  di  Savoia":  decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1964, n. 1675;
  Roma   "Vespucci":  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1961, n. 1944;
  Salerno: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1921;
  Saluzzo: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1676;
  Sanremo: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1953;
  Santa Margherita Ligure: decreto del Presidente della Repubblica 24
aprile 1965, n. 1666;
  Sassari: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1952;
  Savona:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1953;
  Siena:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1927;
  Sondrio: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2134;
  Taranto: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1965;
  Terni:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1930;
  Terracina:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1917;
  Torino  "Giulio": decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno
1960, n 1944;
  Torino   "Dosso":   decreto  del  Presidente  della  Repubblica  29
settembre 1956, n. 1723;
  Torre  Annunziata:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica  30
settembre 1962, n. 2163;
  Tortona: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2152;
  Trani:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1673;
  Trapani: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1975;
  Trento:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1972;
  Treviso: decreto del Presidente della Repubblica 30 luglio 1960, n.
1947;
  Trieste: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2139;
  Udine:  decreto  del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1413;
  Vercelli:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1961, n. 1956;
  Verona:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961,
n. 1958;
  Viareggio:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 30 settembre
1961, n. 1932;
  Vicenza: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1966;
  Vigevano:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1962, n. 2151;
  Viterbo: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
1943;
  Voghera: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2138;

  ISTITUTI PROFESSIONALI ALBERGHIERI

  Abano  Terme:  decreto  del  Presidente  della Repubblica 26 maggio
1955, n. 1555;
  Alassio: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1677;
  Bari:  decreto  del  Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1460;
  Chianciano Terme: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto
1959, n. 1425;
  Firenze: decreto del Presidente della Repubblica 26 maggio 1955, n.
1556;
  Fiuggi:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2155;
  Gardone  Riviera: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno
1960, n. 2014;
  Genova:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1957,
n. 1483;
  Milano:  decreto del Presidente della Repubblica 14 luglio 1960, n.
2023;
  Montecatini  Terme:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 20
agosto 1959, n. 1458;
  Napoli:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1954,
n. 1581;
  Palermo: decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1427;
  Recoaro Terme: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre
1964, n. 1674;
  Riccione:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1962, n. 2170;
  Rieti:  decreto  del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2116;
  Roccaraso:  decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1060,
n. 2018;
  Salerno: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960, n.
2004;
  Salsomaggiore:  decreto  del  Presidente della Repubblica 10 luglio
1960, n. 2009;
  San  Pellegrino  Terme:  decreto del Presidente della Repubblica 30
settembre 1962, n. 2154;
  Sassari:  decreto  del [Presidente della Repubblica 20 agosto 1959,
n. 1459;
  Senigallia: decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960,
n. 1947;
  Soverato:  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 30 settembre
1964, n. 1672;
  Stresa:  decreto del Presidente della Repubblica 26 maggio 1955, n.
1554;
  Torino:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2156;
  Varallo  Sesia:  decreto  del Presidente della Repubblica 24 aprile
1965, n. 1686.

  ISTITUTI PROFESSIONALI FEMMINILI

  Bari: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1961, n.
1926;
  Bologna:  decreto  del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1953,
n. 736;
  Brescia: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2168;
  Catania: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1682;
  Firenze:  decreto  del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1953,
n. 732;
  Forli':  decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1954,
n. 1573;
  Lecce:  decreto  del Presidente della Repubblica 29 settembre 1954,
n. 1565;
  Lucca:  decreto  del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
2015;
  Macerata:  decreto  del Presidente della Repubblica 22 giugno 1960,
n. 1978;
  Matera:  decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1678;
  Milano: decreto del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1953, n.
737;
  Modena:  decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 1959, n.
1432;
  Napoli:  decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1954,
n. 1576;
  Padova:  decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1954,
n. 1566;
  Piazza  Armerina: decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio
1960, n. 1998;
  Potenza: decreto del Presidente della Repubblica 10 luglio 1960, n.
1986;
  Reggio Emilia: decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre
1954, n. 1545;
  Roma  "Confalonieri":  decreto  del  Presidente della Repubblica 22
giugno 1960, n. 1945;
  Roma  "Diaz":  decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre
1956, n. 1727;
  Roma "Giuliani": decreto del Presidente della Repubblica 28 gennaio
1953, n. 733;
  Roma  "V.  da  Feltre":  decreto del Presidente della Repubblica 10
luglio 1960, n. 1952;
  Salerno: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1681;
  Taranto: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1962,
n. 2172;
  Vicenza: decreto del Presidente della Repubblica 30 settembre 1964,
n. 1683;

  viene modificato come appresso:
  "Il  posto  di  preside e' conferito mediante pubblico concorso per
titoli  e  per  esami  tra gli insegnanti di ruolo, muniti di laurea,
degli   Istituti   professionali  per  il  commercio,  alberghieri  e
femminili,  nonche'  tra  gli  insegnanti  di  ruolo  di  materie non
tecniche  degli Istituti professionali per l'agricoltura, l'industria
e  l'artigianato, le attivita' marinare, e tra il personale direttivo
delle scuole secondarie di 10 grado che abbia titolo a partecipare ai
concorsi  a preside negli Istituti tecnici commerciali e femminili, a
norma delle disposizioni di cui al decreto del Capo provvisorio dello
Stato n. 629 del 21 aprile 1947 e successive modificazioni".

  Il  presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserto
nella  Raccolta  ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.

  Dato a Roma, addi' 30 novembre 1965

                               SARAGAT

                                                      GUI - TAVIANI -
                                                              COLOMBO

Visto, il Guardasigilli: REALE
  Registrato alla Corte dei conti, addi' 14 settembre 1966
  Atti del Governo, registro n. 205, foglio n. 93. - DI PRETORO