DECRETO LEGISLATIVO PRESIDENZIALE 28 giugno 1946, n. 52

Estensione del concorso a posti di consigliere di Corte d'appello per il 1944 sulla quota del posti spettante per l'anno 1945.

(Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 09/03/1953)
vigente al 22/01/2022
Testo in vigore dal: 24-8-1946
attiva riferimenti normativi
              IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

  In  virtu' dei poteri di Capo provvisorio dello Stato, conferitigli
dall'art. 2, quarto comma, del decreto legislativo luogotenenziale 16
marzo 1946, n. 98;
  Visto il decreto-legge luogotenenziale 25 giugno 1944, n. 151;
  Visti  gli  articoli  152  e seguenti dell'ordinamento giudiziario,
approvato con regio decreto 30 gennaio 1944, n. 12;
  Visto il decreto legislativo luogotenenziale 3 maggio 1945, n. 233;
  Visto il decreto legislativo Presidenziale 19 giugno 1946, n. 1;
  Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri;
  Sulla  proposta del Guardasigilli, Ministro Segretario di Stato per
la grazia e giustizia, di concerto con il Ministro per il tesoro;

                      HA SANZIONATO E PROMULGA:

                               Art. 1.

  I magistrati che, nel concorso per 33 posti di consigliere di Corte
d'appello  e  gradi  parificati,  indetto con decreto Ministeriale 10
marzo  1943,  hanno  riportato  non meno di 46 voti, saranno, secondo
l'ordine  della  graduatoria  del  concorso stesso, promossi al grado
superiore.
  Le  relative  promozioni  graveranno,  in  quanto necessario, sulla
quota,  spettante  al concorso, delle vacanze determinatesi nel ruolo
dei consiglieri d'appello e gradi parificati nel 1945.