DECRETO DEL DUCE DEL FASCISMO, CAPO DEL GOVERNO 18 aprile 1940, n. 376

Accordo economico collettivo per il miglioramento della situazione economica degli assuntori di servizi delle imprese ferroviarie, tramviarie e di navigazione interna. (040U0376)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 31/05/1940
vigente al 29/01/2022
  • Articoli
  • 1
  • Allegati
Testo in vigore dal: 31-5-1940
                        IL DUCE DEL FASCISMO 
 
                          CAPO DEL GOVERNO 
 
  Visto l'accordo economico collettivo  per  il  miglioramento  della
situazione  economica  degli  assuntori  di  servizi  delle   imprese
ferroviarie, tramviarie e di navigazione interna, stipulato, ai sensi
dell'art. 12 della legge 20 marzo 1930-VIII, n. 206, in data 14 marzo
1939-XVII, tra la  Federazione  nazionale  fascista  degli  esercenti
imprese  ferroviarie,  tramviarie  e  di  navigazione   interna,   la
Federazione nazionale fascista degli ausiliari  del  traffico  e  dei
trasporti complementari e la  Federazione  nazionale  fascista  delle
cooperative di trasporto; 
 
  Visto il parere espresso dal Comitato consultivo della Corporazione
delle comunicazioni interne, in data 29 novembre 1939-XVIII; 
 
  Vista l'approvazione data dal Comitato corporativo centrale,  nella
seduta del 9 marzo 1940-XVIII; 
 
  Visto l'art. 11 della legge 5 febbraio 1934-XII; 
 
                              Decreta: 
 
                           Articolo unico. 
 
  E' disposta la pubblicazione dell'accordo economico collettivo  per
il  miglioramento  della  situazione  economica  degli  assuntimi  di
servizi  delle  imprese  ferroviarie,  tramviarie  e  di  navigazione
interna. 
 
  Il testo dell'accordo, con il visto  del  Segretario  generale  del
Consiglio nazionale  delle  Corporazioni,  e'  allegato  al  presente
decreto, che sara' inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei
decreti del Regno. 
 
  Roma, addi' 18 aprile 1940-XVIII 
 
               Il DUCE del Fascismo, Capo del Governo 
 
                              MUSSOLINI 
 
  Visto, il Guardasigilli: GRANDI