stai visualizzando l'atto

DECRETO DEL DUCE DEL FASCISMO, CAPO DEL GOVERNO 10 maggio 1939, n. 990

Accordo economico collettivo per il miglioramento della situazione economica degli appaltatori di posti telefonici pubblici per conto delle Società telefoniche concessionarie di zona. (039U0990)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 02/08/1939
nascondi
vigente al 22/07/2024
  • Articoli
  • 1
  • Allegati
Testo in vigore dal:  2-8-1939

Art. 1

IL DUCE DEL FASCISMO

CAPO DEL GOVERNO

Visto l'accordo economico collettivo per il miglioramento della situazione economica degli appaltatori di posti telefonici pubblici per conto delle Società, telefoniche concessionarie di zona, stipulato, ai sensi dell'art. 12 della legge 20 marzo 1930-XIII, n. 206, in data 24 febbraio 1939-XVII, tra la Federazione nazionale fascista degli Esercenti Imprese di comunicazioni elettriche e la Federazione nazionale fascista degli ausiliari del traffico e dei trasporti complementari;

Visto il parere espresso dal Comitato consultivo della Corporazione delle comunicazioni interne, in data 9 marzo 1939-XVII;

Vista l'approvazione data dal Comitato corporativo centrale, nella seduta del 9 marzo 1939-XVII;

Visto l'art. 11 della legge 5 febbraio 1934-XII;

Decreta:

Articolo unico.

È disposta la pubblicazione dell'accordo economico collettivo per il miglioramento della situazione economica degli appaltatori di posti telefonici pubblici per conto delle Società telefoniche concessionarie di zona.

Il testo dell'accordo, con il visto del Segretario generale del Consiglio nazionale delle corporazioni, è allegato al presente decreto, che sarà inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno.

Roma, addì 10 maggio 1939-XVII.

il DUCE del Fascismo Capo del Governo:

Mussolini

Visto, il Guardasigilli: Solmi