REGIO DECRETO 22 ottobre 1931, n. 1410

Modificazione dell'art. 142 del regolamento 1° settembre 1925, n. 2009, per i convitti nazionali. (031U1410)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 10/12/1931
vigente al 27/10/2020
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 10-12-1931
attiva riferimenti normativi
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Veduto l'art. 51 del regolamento  4  maggio  1925,  n.  653,  sugli
alunni, gli esami e le tasse negli Istituti medi d'istruzione; 
  Veduto il regolamento 1° settembre 1925, n. 2009,  per  i  Convitti
nazionali; 
  Riconosciuta  la  opportunita'  di   modificare   l'art.   142   di
quest'ultimo regolamento; 
  Udito il parere del Consiglio di Stato; 
  Sentito il Consiglio dei Ministri; 
  Sulla  proposta  del  Nostro  Ministro  Segretario  di  Stato   per
l'educazione nazionale, di concerto con quello per le finanze; 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  L'art. 142 del regolamento  1°  settembre  1925,  n.  2009,  per  i
Convitti nazionali e' sostituito dal seguente: 
  «Nei Convitti nazionali possono istituirsi classi o corsi  completi
d'istruzione media classica, tecnica, scientifica e magistrale. 
  «Alle  classi  e  ai  corsi   suddetti,   se   funzionino   secondo
l'ordinamento  stabilito  per  le  corrispondenti  scuole  Regie,  e'
concesso il riconoscimento della validita' degli studi e degli  esami
previsto dall'art. 51 del regolamento 4 maggio 1925, n. 653. 
  «La istituzione delle classi o dei corsi deve essere deliberata dai
Consigli  di  amministrazione  dei  Convitti,   ed   e'   subordinata
all'approvazione del Ministero dell'educazione nazionale, sentito  il
parere della competente Giunta per l'istruzione media. 
  «Le classi o i corsi saranno a totale carico delle  amministrazioni
dei Convitti e gl'insegnamenti saranno affidati per incarico. 
  «Le famiglie che chiedano l'inscrizione degli  alunni  alle  scuole
interne del Convitto nazionale sono tenute a versare alla  Cassa  del
Convitto un contributo da fissarsi dal Consiglio di  amministrazione,
in misura non  inferiore  all'ammontare  delle  corrispondenti  tasse
governative. 
  «La vigilanza  immediata  e  continua  sulle  classi  o  sui  corsi
costituiti nel modo anzidetto e' affidata al rettore. 
  «Il Ministero dell'educazione  nazionale  puo'  ordinare  ispezioni
ogni qualvolta lo ritenga opportuno e sospendere  l'applicazione  del
citato art. 51 quando risulti un  funzionamento  non  regolare  delle
classi o dei corsi suddetti. 
  «Le spese per le ispezioni sono a carico dei Convitti». 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
  Dato a San Rossore, addi' 22 ottobre 1931 - Anno IX 
 
                          VITTORIO EMANUELE 
 
 
                                      Mussolini - Giuliano - Mosconi. 
 
  Visto, il Guardasigilli: Rocco. 
  Registrato alla Corte dei conti, addi' 21 novembre 1931 - Anno X 
  Atti del Governo, registro 314, foglio 97. - Mancini.