REGIO DECRETO 30 dicembre 1923, n. 2994

Disposizioni relative allo stato giuridico ed al trattamento economico dei salariati dipendenti dalle Amministrazioni dello Stato. (023U2994)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 01/07/1924 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 25/06/2008)
Testo in vigore dal: 1-7-1924
al: 21-12-2008
aggiornamenti all'articolo
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  In virtu' della delegazione di poteri conferita al Governo  del  Re
con la legge 3 dicembre 1922, n. 1601; 
 
  Sentito il Consiglio dei Ministri; 
 
  Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri,  Ministro
Segretario di Stato per gli  interni,  ad  interim,  per  gli  affari
esteri, Commissario per l'aeronautica e del  Ministro  Segretario  di
Stato per le finanze, di concerto con gli altri Ministri; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                               Art. 1 
 
  I salariati che prestano la loro opera allo  Stato  appartengono  a
quattro distinte categorie: 
 
  a) operai permanenti, assunti  cioe'  stabilmente  ed  inscritti  a
matricola; 
 
  b) operai temporanei, assunti  cioe'  a  tempo,  con  contratti  di
lavoro,  che  in  nessun  caso  devono   oltrepassare   la   scadenza
dell'esercizio finanziario, ma rinnovabili e rescindibili; 
 
  c) operai giornalieri, assunti cioe' di volta in volta  per  lavori
determinati, di breve durata; 
 
  d) incaricati, stabili e provvisori, addetti a pubblici servizi. 
 
  Gli apprendisti  appartengono  esclusivamente  ai  salariati  della
categoria b). 
 
  Per gli operai temporanei, mutilati o invalidi di guerra  o  vedove
ed orfani minorenni di guerra, i contratti di  lavoro  devono  essere
rinnovati alla loro scadenza, quando non ostino speciali ragioni,  da
riconoscersi dalla competente amministrazione centrale.