REGIO DECRETO 19 febbraio 1911, n. 183

Che approva una variante al piano regolatore della citta' di Bologna. (011U0183)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 05/04/1911 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/12/2010)
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 5-4-1911
al: 15-12-2010
aggiornamenti all'articolo
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           per grazia di Dio e per volonta' della Nazione 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Vista l'istanza presentata  dal  comune  di  Bologna  per  ottenere
l'approvazione di una variante al  piano  regolatore,  approvato  con
legge 11 aprile 1889, n. 6020,  relativa,  all'apertura  di  un'ampia
piazza intorno alla  casa  che  fu  dimora  di  Giosue'  Carducci  ed
all'allargamento di via del Piombo, giusta il piano particolareggiato
di esecuzione redatto dall'ingegnere capo del Comune ed approvato con
deliberazione consiliare del 18 febbraio 1910; 
 
  Ritenuto che, procedutosi a norma di legge alle pubblicazioni e  al
deposito degli atti non vennero prodotte osservazioni e opposizioni; 
 
  Considerato  che  con  l'attuazione  delle  proposte  varianti   si
otterra' non solo lo scopo di dare  un  aspetto  decoroso  alla  zona
nella quale dovra' sorgere il monumento del poeta, ma altresi' quello
di risanare le condizioni igieniche delle localita' adiacenti; 
 
  Visto il voto del Consiglio superiore dei lavori pubblici; 
 
  Visto l'art. 3 della legge 11 aprile 1899, n. 6020 e  la  legge  25
giugno 1865, n. 2359; 
 
  Udito il Consiglio di Stato; 
 
  Sulla proposta del Nostro ministro, segretario di Stato pei  lavori
pubblici; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
  E' approvata la variante al piano regolatore di  Bologna  descritta
nel piano particolareggiato di esecuzione redatto dall'ingegnere capo
del Comune, approvato con deliberazione consiliare  del  18  febbraio
1910 e visto d'ordine Nostro dal ministro predetto nella  planimetria
e nell'elenco delle espropriazioni. 
 
  Resta fisso il termine stabilito dall'art. 6 della citata legge  11
aprile 1889  per  l'esecuzione  delle  espropriazioni  e  dei  lavori
compresi nella detta variante. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 19 febbraio 1911. 
 
                         VITTORIO EMANUELE. 
 
                                                              Sacchi. 
 
  Visto, il guardasigilli: Fani.