LEGGE 30 giugno 1904, n. 293

Che autorizza la spesa straordinaria di L. 107,650.000 da stanziarsi nella parte straordinaria del bilancio del Ministero dei Lavori Pubblici. (004U0293)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/07/1904 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/12/2010)
  • Allegati
Testo in vigore dal: 20-7-1904
al: 12-8-1907
aggiornamenti all'articolo
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           per grazia di Dio e per volonta' della Nazione 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Il Senato e la Camera dei Deputati hanno approvato; 
 
  Noi abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue: 
 
                               Art. 1. 
 
  E' autorizzata la spesa straordinaria di  lire  centosette  milioni
seicentocinquantamila da stanziarsi  nella  parte  straordinaria  del
bilancio del Ministero dei Lavori Pubblici. 
 
  La detta somma e' ripartita come segue: 
 
    a) L. 250,000 per l'isolamento del palazzo Madama in cui ha  sede
il Senato del Regno; 
 
    b) L. 6,500,000 per i lavori di costruzione di una nuova aula per
la Camera dei deputati e di sistemazione del palazzo di Montecitorio; 
 
    c) L. 5,500,000 per il compimento dei lavori di  costruzione  del
nuovo palazzo di Giustizia in Roma; 
 
    d) L. 3,000,000  per  continuare  i  lavori  di  costruzione  del
monumento nazionale a Re Vittorio Emanuele II; 
 
    e) L. 3,000,000 per l'ultimazione dei lavori di  ampliamento,  di
sistemazione e di arredamento  dell'Universita'  di  Napoli  e  degli
Istituti dipendenti; 
 
    f) L. 7,000,000 per i lavori di sistemazione e  miglioramento  di
strade e ponti nazionali, designati  nella  tabella  A  annessa  alla
presente legge; 
 
    g)  L.  2,000,000   per   concessione,   in   conformita'   della
disposizione del seguente articolo 3, di sussidi ad opere  di  difesa
delle strade provinciali e comunali contro le frane, e le  corrosioni
di fiumi e torrenti; 
 
    h)  L.  1,000,000   per   concessione,   in   conformita'   della
disposizione del seguente articolo 4, di sussidi ad opere  di  difesa
degli abitati contro le frane, e le corrosioni di fiumi e torrenti; 
 
    i) L. 400,000 per concessione in conformita'  della  disposizione
del seguente articolo 5, di sussidi per l'impianto e  l'esercizio  di
linee di automobili in servizio pubblico fra localita' non  congiunte
da ferrovie o da tramvie; 
 
    k) L. 7,000,000 per lavori di riparazione  e  sistemazione  delle
opere idrauliche di 2ª categoria,  in  conformita'  della  tabella  B
annessa alla presente legge; 
 
    l) L. 38,000,000 per completamento  della  ferrovia  da  Cuneo  a
Ventimiglia secondo la convenzione con la Francia, stipulata in  Roma
il 6 giugno 1904 e che forma parte integrante della presente legge; 
 
    m) L. 34,000,000 per la costruzione del tronco dal fiume  Amaseno
a Formia che fa parte della ferrovia direttissima Roma-Napoli e serve
pure a congiungere le linee Velletri-Terracina e Gaeta-Sparanise. 
 
  E' abrogata la legge 26 luglio 1888, n.  5593,  che  autorizzo'  la
spesa straordinaria di L. 6,000,000 per provvedere alla residenza del
Parlamento nazionale.