REGIO DECRETO 20 dicembre 1900, n. CCCXCVI (396)

Che approva le tariffe dell'istituto italiano di credito fondiario per il calcolo delle semestralita' da corrispondersi dai mutuatari per mutui col saggio d'interesse del 4 1/2 e del 4 per cento. (0000396R)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 20/02/1901
vigente al 16/01/2022
  • Articoli
  • 1
  • Allegati
Testo in vigore dal: 20-2-1901
attiva riferimenti normativi
 
                        VITTORIO EMANUELE III 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Veduto il regio decreto  del  31  dicembre  1896,  n.  CCCCLI,  che
approva le tariffe dell'istituto italiano di credito fondiario per  i
mutui al 4½ e 4 per cento; 
 
  Considerato che l'imposta di ricchezza mobile, di cui  all'art.  22
della legge 4 giugno 1896, n. 183, va calcolata in ragione del 15,30,
anziche' del 15 per cento; 
 
  Sopra  proposta  del  Nostro  ministro  segretario  di  Stato   per
l'agricoltura, l'industria e il commercio; 
 
  Sentito il ministro del tesoro; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  Sono approvate le unite tariffe dell'istituto italiano  di  credito
fondiario per il calcolo delle semestralita'  da  corrispondersi  dai
mutuatari pei mutui col saggio d'interesse del 4½ e del 4 per  cento,
viste d'ordine Nostro dal ministro proponente. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 20 dicembre 1900. 
 
                          VITTORIO EMANUELE 
 
  Registrato alla Corte dei conti addi' 29 gennaio 1901. 
 
    Reg. 227. Atti del Governo a f. 65. F. Rostagno. 
 
  Luogo del Sigillo. V. Il Guardasigilli E. GIANTURCO. 
 
                                                             Carcano.