REGIO DECRETO 19 settembre 1899, n. 490

Sull'istituzione, nelle grandi citta', di Uffici postali e telegrafici di 2ª classe. (099U0490)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 06/02/1900 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/12/2010)
  • Articoli
  • 1
  • 2
Testo in vigore dal: 6-2-1900
al: 15-12-2010
aggiornamenti all'articolo
 
                              UMBERTO I 
 
           per grazia di Dio e per volonta' della Nazione 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Visto il R. decreto del 14 maggio 1899, n. 177; 
 
  Sentito il parere del Consiglio di Stato; 
 
  Sentito il Consiglio dei Ministri; 
 
  Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per le Poste
ed i Telegrafi; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                               Art. 1. 
 
  All'articolo 1° del R. decreto n. 177 del 14 maggio 1899  sara'  da
sostituirsi  il  seguente:  Nelle  grandi  citta',  ed   a   sussidio
dell'Ufficio principale, possono essere istituiti  Uffici  postali  e
telegrafici di  2ª  classe  separati  o  riuniti  ed  in  numero  non
superiore ad uno per ogni 10.000 abitanti, comprendendo  nel  computo
anche gli Uffici succursali di 1ª classe. 
 
  Agli Uffici di 2ª classe sopra citati sono applicabili le norme che
regolano gli altri Uffici di 2ª classe. Per quanto  si  riferisce  al
servizio telegrafico potra'  anche  essere  autorizzata  la  semplice
accettazione dei telegrammi,  da  spedirsi,  a  mezzo  di  fattorini,
all'Ufficio centrale di trasmissione. 
 
  Per tale servizio  di  accettazione  viene  assegnata  al  titolare
dell'Ufficio la retribuzione di centesimi 10 per  ciascun  telegramma
in partenza se consegnato all'Ufficio di  trasmissione,  a  cura  del
titolare  stesso,  e  di   centesimi   5   se   consegnato   a   cura
dell'Amministrazione. 
 
  Al servizio di recapito provvedera',  quando  lo  creda  opportuno,
l'Amministrazione con fattorini a proprie spese.