REGIO DECRETO 28 dicembre 1893, n. DCCXXX

Che erige in ente morale il legato Broccio in Agnona (Novara) e ne concentra l'amministrazione nella locale congregazione di carita'. (9300730R)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 04/02/1894
vigente al 27/09/2020
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 4-2-1894
attiva riferimenti normativi
 
                              UMBERTO I 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Veduto il testamento in data  2  maggio  1876,  con  cui  Francesco
Broccio, legava cinque quintali di sale da distribuirsi  ai  capi  di
casa piu' poveri del comune di Agnona (Novara); 
 
  Vedute le  deliberazioni  della  congregazione  di  carita'  e  del
consiglio comunale di detto comune, relative alla  costituzione,  col
capitale legato, di una istituzione di pubblica  beneficenza,  avente
scopo elemosiniero, ed  al  suo  concentramento  nella  congregazione
stessa; 
 
  Veduto il voto della giunta provinciale amministrativa di Novara; 
 
  Veduta la legge 17 luglio 1890, n. 6972; 
 
  Udito il parere del consiglio di Stato; 
 
  Sulla proposta del Nostro ministro  segretario  di  Stato  per  gli
affari dell'interno, presidente del consiglio dei ministri; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  Il legato Francesco Broccio sopraccennato e' eretto in ente  morale
e la  sua  amministrazione  e'  concentrata  nella  congregazione  di
carita' di Agnona. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 28 dicembre 1893. 
 
                               UMBERTO 
 
  Registrato alla corte dei conti addi' 12 gennaio 1894. 
 
    Reg. 194. Atti del Governo a f. 125. E. Angelotti. 
 
  Luogo del Sigillo. V. Il Guardasigilli V. CALENDA. 
 
                                                           F. Crispi.