REGIO DECRETO 28 dicembre 1893, n. 713

Che dichiara aperto, rispetto al dazio di consumo, il comune di Cimitile. (093U0713)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 31/01/1894 (Ultimo aggiornamento all'atto pubblicato il 15/12/2010)
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 31-1-1894
al: 15-12-2010
attiva riferimenti normativi aggiornamenti all'articolo
 
                             UMBERTO I. 
 
           per grazia di Dio e per volonta' della Nazione 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Sulla proposta del Nostro  Ministro  Segretario  di  Stato  per  le
Finanze; 
 
  Vista la deliberazione 26 agosto 1893,  colla  quale  il  Consiglio
comunale di Cimitile domanda che il  comune  sia  dichiarato  aperto,
rispetto al dazio di consumo, a far data dal 1° gennaio 1894; 
 
  Ritenuto  che  il  comune  di  Cimitile,  in  ragione   della   sua
popolazione agglomerata appartiene al novero  dei  comuni  di  quarta
classe; 
 
  Veduti gli articoli 5 della legge del 3 luglio 1864 n 1827 e 3  del
legislativo decreto del 28 giugno 1866 n. 3018; 
 
  Udito il Consiglio di Stato; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  Il comune di Cimitile,  in  provincia  di  Caserta,  e'  dichiarato
aperto, rispetto al dazio di consumo, a far data dal 1° gennaio 1894,
pur rimanendo inscritto fra quelli di quarta classe. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella Raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 28 dicembre 1893. 
 
                              UMBERTO. 
 
                                                      Sidney Sonnino. 
 
  Visto, Il Guardasigilli: V. Calenda Di Tavani.