REGIO DECRETO 17 dicembre 1893, n. DCCII

Che concentra nella congregazione di carita' di Pesaro l'amministrazione delle opere pie Buratelli, Cattani ed altri. (9300702R)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 26/01/1894
vigente al 27/09/2020
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 26-1-1894
attiva riferimenti normativi
 
                              UMBERTO I 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Viste  le  deliberazioni  della  congregazione  di  carita'  e  del
consiglio  comunale  di  Pesaro,  relative  al  concentramento  nella
congregazione stessa delle seguenti opere pie, cioe': 
 
     1.° Opera pia Buratelli, amministrata  dal  discendente  del  fu
marchese Carlo Barzi Mosca; 
 
     2.° Opera pia Cattani, amministrata dal parroco di S. Giacomo in
Pesaro; 
 
     3.° Lascito elemosiniero, ammistrato dalla confraternita del SS.
Sacramento di Pesaro; 
 
     4.° Legato di doti, amministrato dalla stessa confraternita; 
 
     5.°  Lascito  elemosiniero,  amministrato  dal  collegio   della
carita' di Pesaro; 
 
     6.° Legato di doti, amministrato dallo stesso collegio; 
 
     7.°  Lascito  dotale   di   lire   61.50,   amministrato   dalla
confraternita della SS. Annunziata di Pesaro. 
 
     8.° Legato di doti Ricci, amministrato dal capitolo della chiesa
cattedrale di Pesaro; 
 
     9.° Legato di  doti,  amministrato  dalla  confraternita  di  S.
Andrea Apostolo di Pesaro; 
 
    10.° Legato dotale Olivieri-Almerici, amministrato dal comune  di
Pesaro; 
 
  Visto il parere della giunta provinciale amministrativa; 
 
  Vista la legge 17 luglio 1890, n. 6972; 
 
  Udito il parere del consiglio di Stato; 
 
  Sulla proposta del Nostro ministro  segretario  di  Stato  per  gli
affari dell'interno, presidente del consiglio dei ministri; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  L'amministrazione delle opere pie suaccennate e' concentrata  nella
congregazione di carita' di Pesaro. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 17 dicembre 1893. 
 
                               UMBERTO 
 
  Registrato alla Corte dei conti addi' 3 gennaio 1894. 
 
    Reg. 194. Atti del Governo a f. 77. E. Angelotti. 
 
  Luogo del Sigillo. V. Il Guardasigilli V. CALENDA. 
 
                                                           F. Crispi.