REGIO DECRETO 30 dicembre 1886, n. MMCCCLXXXIX (2389)

Che autorizza il comune di S. Casciano dei Bagni a mantenere pel triennio 1887-1889 la tassa di famiglia col massimo di lire cento. (8602389R)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 02/02/1887
vigente al 21/01/2022
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 2-2-1887
attiva riferimenti normativi
 
                              UMBERTO I 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Visto il Nostro decreto 7  febbraio  1884,  col  quale  venne  data
facolta' al comune di S. Casciano dei Bagni di applicare nel triennio
1884-86 la tassa di famiglia col massimo di lire 100; 
 
  Vista  la  deliberazione  11  settembre  1886,  di  quel  consiglio
comunale, con la quale si domanda di mantenere stabilmente  la  detta
tassa collo stesso massimo; 
 
  Vista la deliberazione 25 settembre stesso anno  della  deputazione
provinciale di Siena, con cui,  approvando  la  citata  deliberazione
consigliare, limito' l'autorizzazione ad un altro triennio; 
 
  Udito il parere del consiglio di Stato; 
 
  Sulla proposta del ministro delle finanze; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  E' data facolta' al comune di San Casciano dei Bagni  di  mantenere
nel triennio 1887-89 la tassa di famiglia col massimo di lire cento. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 30 dicembre 1886. 
 
                               UMBERTO 
 
  Registrato alla Corte dei conti addi' 7 gennaio 1887. 
 
    Reg. 154. Atti del Governo a f. 31. Ayres. 
 
   Luogo del Sigillo. V. Il Guardasigilli D. TAJANI. 
 
                                                         A. MAGLIANI.