REGIO DECRETO 11 dicembre 1884, n. MDXXXIII (1533)

Che erige in corpo morale l'asilo infantile di Vescovato (Cremona) e ne approva lo statuto. (8401533R)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 14/02/1885
vigente al 19/01/2022
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 14-2-1885
attiva riferimenti normativi
 
                              UMBERTO I 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Sulla proposta del Nostro ministro  segretario  di  Stato  per  gli
affari dell'interno, presidente del consiglio dei ministri; 
 
  Veduta la domanda in data 8 agosto 1884 del comitato promotore  per
la costituzione  di  un  asilo  infantile  nel  comune  di  Vescovato
(Cremona) diretta ad ottenere la erezione del medesimo in ente morale
e l'approvazione del suo statuto organico; 
 
  Veduto il voto  favorevole  della  deputazione  provinciale  emesso
nella seduta del 4 settembre ultimo scorso  e  ritenuto  che  la  pia
istituzione appare fornita di mezzi onde provvedere alla  sua  futura
esistenza, e che lo statuto organico e' regolare in ogni sua parte; 
 
  Veduta la legge 3 agosto 1862 e il relativo regolamento 27 novembre
stesso anno; 
 
  Visto il parere del consiglio di Stato; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  L'asilo infantile di Vescovato (Cremona) e' eretto in corpo  morale
ed e' approvato il suo statuto organico composto di numero  trentadue
articoli,  visto  e  sottoscritto  d'ordine   Nostro   dal   ministro
proponente. 
 
  Ordiniamo che il presente decreto, munito del sigillo dello  Stato,
sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e  dei  decreti  del
Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti di osservarlo e  di  farlo
osservare. 
 
    Dato a Roma, addi' 11 dicembre 1884. 
 
                               UMBERTO 
 
  Registrato alla Corte dei conti addi' 29 dicembre 1884 
 
    Reg. 139. Atti del Governo a f. 122. Ayres. 
 
  Luogo del Sigillo. V. Il Guardasigilli E. Pessima. 
 
                                                            Depretis.