REGIO DECRETO 30 dicembre 1875, n. MCLXXXII (1182)

Che approva le modificazioni allo statuto della banca agricola industriale di Alessandria. (7501182R)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 06/02/1876
vigente al 19/01/2022
  • Articoli
  • 1
Testo in vigore dal: 6-2-1876
attiva riferimenti normativi
 
                        VITTORIO EMANUELE II 
 
           PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTA' DELLA NAZIONE 
 
                             RE D'ITALIA 
 
  Vista la deliberazione per modificazioni dello  statuto,  presa  in
assemblea generale del 14 marzo 1875 dagli azionisti  della  societa'
di credito agrario, regolata dalla legge 21  giugno  1869,  n.  5160,
anonima per azioni nominative, sedente in  Alessandria  col  nome  di
Banca agricola industriale d'Alessandria, colla  durata  di  50  anni
decorrendi dal 23 aprile 1871 e col capitale nominale di lire 800,000
composto di n. 16,000 azioni da lire 50 ciascuna; 
 
  Visto lo statuto di  detta  societa'  e  i  reali  decreti  che  la
riguardano del 23 aprile 1871, n. LVI, 3 giugno 1872, n. CCCXXIV e 15
giugno 1873, n. DCLXXVI; 
 
  Visto il titolo VII, libro I, del codice di commercio; 
 
  Vista la legge 21 giugno 1869, n. 5160; 
 
  Visti i regi decreti 30 dicembre 1865, n. 2727, e 5 settembre 1869,
n. 5256; 
 
  Sentito il consiglio di Stato; 
 
  Sulla proposta del ministro di agricoltura, industria e commercio; 
 
  Abbiamo decretato e decretiamo: 
 
                           Articolo unico. 
 
  Ai termini della citata deliberazione sociale del  14  marzo  1875,
sono approvate le modificazioni agli articoli 37 e 45  dello  statuto
della banca agricola industriale d'Alessandria nel senso che non  sia
piu'  data  alcuna  indennita'  ai   consiglieri   d'amministrazione,
restando pero' sempre  fermo  per  essi  l'obbligo  di  prestare  una
cauzione di 30 azioni e che la quota del 15 per  cento  sugli  utili,
dovuta prima ad essi, vada  ad  accrescere  la  somma  del  dividendo
spettante agli azionisti. 
 
    Ordiniamo che il  presente  decreto,  munito  del  sigillo  dello
Stato, sia inserto nella raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti
del Regno d'Italia, mandando a chiunque spetti  di  osservarlo  e  di
farlo osservare. 
 
    Dato a Roma addi' 30 dicembre 1875. 
 
                          VITTORIO EMANUELE 
 
  Registrato alla Corte dei conti addi' 8 gennaio 1876 
 
    Vol. 85 Atti del Governo a c. 15. D. Gherardi. 
 
  Luogo del sigillo. V. Il Guardasigilli Vigliani. 
 
                                                           G. Finali.